Damn 1×07 Dammi una lipo-lipo-lipo!

Vivere a Milano non è propriamente come vivere in montagna tra lunghe passeggiate e aria buona. L’unico esercizio fisico che facciamo ogni giorno è correre per prendere la metro. La salvezza è ovviamente la palestra che nella grande mela lombarda è uno must: tutti ci vanno o perlomeno tutti si iscrivono prima o poi.

funny-gifs-nice-workout
I “soggetti da palestra”, perché dire palestrati per molti è un eufemismo, sono veramente tanti: dalle “RuPaul Dragrace” che non entrano in palestra senza 70 chili di trucco, al pensionato che tenta di mantenersi in forma, dal nudista che mette meno stoffa possibile addosso fino al guardone che viene in palestra solo per guardare le tette.
Elencarli tutti sarebbe impossibile perciò ho deciso di parlarvi dei miei 3 preferiti.

La prima e più grande cateogoria è quella del
SARà LUNGO ABBASTANZA?

tumblr_n41p9exmas1qg0cqeo1_400

Questi individui passano in palestra almeno il 50% della giornata per almeno 4 giorni a settimana. Sono quelli che quando entri nello spogliatoio li vedi nudi sulla bilancia a controllare il loro peso, poi li vedrai fare attrezzi e di nuovo sulla bilancia per controllare se qualche risultato è già visibile.

Hanno un fisico scultoreo, completamente depilato e lucido come un vassoio imburrato, sono praticamente dei bronzi di Riace.

E infatti passano 2 decenni davanti allo specchio e si innamorano di sé stessi ma allo stesso tempo trovano sempre qualche difetto perché sai, il loro bicipite, non è grosso come il Sudafrica e quindi non va bene, urge aumentare la dose.

Sono alla ricerca costante della perfezione, si allenano con una faccia frustrata e disperata che mi stupisco sempre che uno di loro non sia Barbara D’urso. Vivono la palestra come un campo militare e vivono nel terrore di dover pulire la sala di Zumba con lo spazzolino.

Quello che caratterizza di più gli esemplari di questa “specie” è il loro verso.

6
Vi lascio immaginare la scena, tu sei lì che a fatica tiri su 20 chili e arriva un Marcantonio qualunque e fa “ti va se ci alterniamo?”. Perché se aspetti 10 minuti (cioè il massimo che io possa fare) poi muori o hai un attacco di dissenteria? Comunque sia, tu sorridi e accetti. Coglione. Si perché, oltre a subire l’umiliazione di vedere il peso che cambia da 20 a 180 kg e grida “sei una merda!”,  dovrai sorbirti anche degli ansimi che neanche Rocco Siffredi sul set di un porno dopo un mese di astinenza.

Vi ricordo che sono gli stessi che prima di entrare in doccia si tocchicciano un po’ il pisello per farlo sembrare un po’ più grosso (come se anche la depilazione servisse ad altro).

tumblr_inline_o3e81iquxx1s1xb56_500

Ultimo rituale importantissimo è il maxi bibitone di non so cosa prima di uscire perché “gonfio è bello”. Si, specie se poi la tua vita è una merda fatta di tonno, bresaola e uova sode e tu bevi più centrifughe di Rosanna Lambertucci

Il secondo gruppo è quello dei
DAI CHE PRIMA O POI ME LO DA

Sono i soggetti a dieta, perennemente, da una vita, finchè morte non ci separi. Sono quelli che si iscrivono in palestra perché vogliono dimagrire a tutti i costi. Li vedi che pensano di aver perso 5 chili già solo iscrivendosi e invece al massimo li hanno persi in sudore nel tentativo di scastrarsi dai tornelli. Il loro sogno è passare da Marisa Laurito a Victoria Cabello nel giro di 15 giorni perciò si armano di buona volontà, comprano tutto il necessario (che verrà usato si e no per un mese) e ci provano.

anigif_enhanced-buzz-18109-1366059908-4

Arrivano, si cambiano con una quantità di pudore infinita, entrano in sala, guardano gli altri fare attrezzi, fanno 2 addominali, 2 minuti di cyclette, dopo di che sbuffando decedono al suolo per 40 minuti, si fanno la doccia e si sentono stanchi come se avessero scalato l’Himalaya a mani nude.

La loro espressione di fatica è tutto. Specialmente perché si trasforma in estrema soddisfazione quando notano un lieve alone sotto le ascelle che sta a testimoniare che un minimo sforzo è stato compiuto.

fat-guy-running

Il segreto di questo insuccesso è il troppo amore verso sé stessi: dopo un’ora di palestra, infatti, per premiarsi vanno diretti all’Old Wild West e quando gli chiederai “da quanto vai in palestra?” risponderanno SEMPRE “da un mese”.

La categoria che più odio è quella dei
C’HO UN CERINO E FACCIO L’ATTIVO

Sono quelli che si iscrivono random. Sono quegli stronzi che hanno un bel fisico per natura, quelli a cui il signore ha donato addominali naturali, magrezza, braccia grosse e loro invece di approfittarne se ne vanno in palestra. Un po’ come un contratto a progetto: ogni tot giorni vengono in palestra…a farsi i selfie. Usano la palestra come una cabina armadio. Si, perché non si accontentano di un paio di pantaloncini e un tshirt. NO. Loro usano solo modelli all’ultima moda, possibilmente vistosi e sgargianti con su l’etichetta “vietato sudare”.

Tipi-da-palestra

Stanno lì con aria sognante e guardano il vuoto, ogni tanto origliano i discorsi altrui, fanno lunghe soste davanti al cartellone dei corsi, si siedono un po’ qua e un po’ là occupando gli attrezzi a random nella speranza che passi abbastanza tempo per poter dire che palestra l’hanno fatta. Perché di allenarsi “non c’ho sbatti” e non c’hai manco bisogno, demente. Probabilmente hai bisogno di sonore sberle visto che paghi inutilmente per NON fare una cosa che NON ti serve.

makeitonmyowngif

Non contenti cosa fanno? Si avvicinano e ti correggono. Non fanno un emerito cazzo eppure vengono lì e ti dicono che stai facendo male l’esercizio. Praticamente si spacciano per personal trainer senza richiesta e non se ne vanno finché tu non fai l’esercizio come dicono loro. Le cose sono due: o ce stai a provà o veramente non hai una sega da fare per stare a presso a me.

Ma io so perché stanno lì. Perché almeno possono aggiornare Swarm e far credere al mondo che il successo del loro corpo è dovuto alla loro forza di volontà e non al loro fortissimo ed enorme CULO.

l41lrae2f4fe091du

Caro Milanese, ASCOLTAAAMMME! Capisco il bisogno di mantenerti in forma, capisco il non voler arrivare a dicembre gonfio come una zampogna ancora prima del cenone di Natale ma, diciamocelo, andare in Palestra a Milano è più moda che esigenza anche perché questa città ti offre così tante distrazioni che per rifarsi dopo aperitivi, sigarette e tanto alcool bisognerebbe fare palestra fino al 2000 e mai.

Detto questo, chi mette su l’acqua? la mia panza brontola E C’HO FAME!

Advertisements

One thought on “Damn 1×07 Dammi una lipo-lipo-lipo!

  1. ahahaha ma quindi io sono l’unico che quando andava in palestra lo faceva per necessità e negli spogliatoi invece di “tocchicciarsi” pensava le peggio cose sperando lui stesse buono? 😀

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s